Arredamento e design

10 cose da sapere su “The Shard”, il grattacielo londinese progettato da Renzo Piano

8 Mar , 2013   -   di

State per visitare Londra? Ottima scelta! La capitale della Gran Bretagna offre una miriade di splendide attrazioni, dal classico Big Ben alla ricca National Gallery, dal misterioso London Bridge ai mercatini di Portobello Road.

Come se non bastassero a mettere l’imbarazzo della scelta, da qualche mese se n’è aggiunta un’altra, tanto imponente quanto avveniristica: il grattacielo Shard, opera della nostra archistar Renzo Piano, inaugurato in occasione degli scorsi giochi olimpici.

Se volete stupire amici, parenti e partner con la vostra erudizione in tema, ecco 10 cose da sapere assolutamente su The Shard per fare un figurone:

#1: Il più alto d’Europa, ma ancora per poco

The Shard è il più alto grattacielo d’Europa? Così dicono molte fonti, ma tra poco diventerà un’inesattezza: il più alto grattacielo d’Europa è il Mercury City Tower di Mosca, seppure non ancora ultimato. La corretta dicitura dovrebbe diventare perciò “più alto grattacielo della Unione Europea”.
#2: Che scheggia quello Shard!

In lingua inglese, “the Shard” è la scheggia, il coccio. In questo caso il nome fa riferimento alla sua forma, appuntita come una scheggia di vetro, da cui il nome completo: the shard of glass. La conformazione è piuttosto irregolare, ispirata dalla natura del territorio sul quale sorge la costruzione. A ben vederne la forma potrebbe sembrare quella di un iceberg, ma soprattutto di notte – quando la sommità è illuminata – ricordare una torcia accesa.

#3: Diamo i numeri

The Shard è alto 309,6 metri, ha 72 piani e 306 rampe di scale (ma per salire, potete prendere anche uno dei 44 ascensori); è rivestito da 11.000 pannelli di vetro, e le sue facciate occupano una superficie di 56.000 metri quadrati. Poco meno dell’intero principato di Monaco! Il costo? 430 milioni di sterline, su un’area che ne vale circa il triplo.


APPROFONDISCI: Tutte le notizie, foto e video su The Shard, aggregate dal web, le trovi su BZCasa!


#4: Una salita…salata

Per visitarlo (ed evitare di fare la fila) è attivo un comodo servizio di prenotazione online, grazie al quale è possibile anche scegliere l’orario e il giorno più congeniale. Quando il cielo è terso (difficile a Londra!) è possibile vedere distante fino a 44 km, quindi arrivare a intravedere il mare. I prezzi della visita non sono propriamente popolari: 25 sterline adulti, 19 bambini.

#5: Come il pennone di un veliero

La genesi dell’opera, un po’ come accadde per lo spremiagrumi di Philippe Starck, è frutto di una cena (a Berlino, nel 2000); l’ispirazione è stata immediatamente immortalata sul retro di un fazzoletto. Pare che Renzo Piano si sia ispirato alle linee ferroviarie attorno all’area dove sorge lo Shard, oltre che agli alberi maestri dei grandi velieri inglesi, e alle opere del Canaletto dedicate alla capitale britannica.

#6: Non soltanto una vista mozzafiato

All’interno del grattacielo troverete uffici, negozi, appartamenti, ristoranti e uno splendido hotel con Spa, lo Shangri-La, che occupa quasi 20 piani.


SCOPRI DI PIU‘: Tutte le notizie, foto e video su Renzo Piano, aggregate dal web, le trovi su BZCasa!


#7: 50 milioni per un…posto al sole!

A proposito di appartamenti: quanto costa acquistare uno dei 10 appartamenti disponibili? Il prezzo approssimativo per godere della splendida vista offerta dallo Shard varia tra i 30 e i 50 milioni di sterline, circa 6000 a metro quadrato. Cifra che, come prevedibile, ha fatto parecchio discutere, dato l’enorme gap con le abitazioni circostanti.

#8: Il gigante buono

Lo Shard è un grattacielo ecosostenibile: il 95% dei materiali di costruzione è riciclato; il 50% dell’acciaio proviene dal riciclo; il sistema di elettrico e di riscaldamento consente un ulteriore risparmio del 10% sulle emissioni di CO2, le vetrate sono state studiate per sfruttare al meglio la luce e il calore solare. Per rendere la visita ancora più eco-sostenibile potreste arrivare in cima usando le scale ma…vedi punto 3!

#9: La parola al papà

Sullo Shard, Renzo Piano ha dichiarato:

“La torre è stata ideata per costituire una luminosa e affilata presenza nella skyline di Londra, e per essere sostenibile sotto ogni punto di vista: umano, tecnologico, energetico, economico”.

#10: Un assaggio di Shard

Questo è un punto dedicato a chi attualmente non può recarsi a Londra, ma vuole ugualmente godere della vista dal grattacielo. Sullo Shard sono state infatti piazzate alcune webcam, collegate in rete. Certo, non è come una visita sul posto ma…in attesa di tempi migliori, può bastare!

Siete già stati a Londra e l’avete visitato? Raccontateci le vostre impressioni!


, , ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *