Come fare

10 regole per produrre ghiaccio sicuro e senza batteri

25 Mag , 2015   -   di

cubetti-di-ghiaccio-sicuri

E’ arrivata l’estate, il caldo, l’afa..è arrivata di corsa e ci ha colti in terrazza a goderci il venticello, con una bibita in mano..una bibita che inevitabilmente si riscalda ,segnalando chiaramente l’avviarsi della stagione del ghiaccio.

Questo utilissimo conglomerato di molecole d’acqua rapprese, si produce facilmente in casa, ma quest’anno  arriva  un monito dagli esperti che a Milano, nella sede della Nfi-Nutrition Foundation of Italy, hanno presentato il Manuale del ghiaccio sicuro, approvato anche dal Ministero della Salute e rivolto alle imprese che lavorano nella produzione industriale, con un occhio alla creazioni casalinghe del cubetto.

I batteri , infatti, non vengono eliminati dal freddo, ma ibernati, e quindi, anche in un  congelatore perfettamente pulito , sarebbe buona norma seguire questo semplice decalogo a misura di single, coppie e famiglie.

1. Pulizia rigorosa del vano refrigerante dato che i residui di cibo potrebbero attaccarsi alle pareti e nel tempo depositarsi, anche in piccola quantità, nella vaschetta dei cubetti.

2. Pulizia delle vaschette (anche se scontato) con normali detersivi per i piatti, prima di ogni nuovo utilizzo.

3. Refrigerazione rapida dell’acqua posta nelle vaschette a -18°C,  da porre quindi nella zona più fredda del congelatore.

4. Conservazione fino all’utilizzo ad almeno 5-10 °C sotto lo zero, per evitare la  liquefazione che è terreno ideale per lo sviluppo microbico.

5. Isolamento delle vaschette nel congelatore: coprire  una per una  le vaschette con fogli di alluminio o utilizzare i sacchetti appositi, quindi impilare e riporre in un contenitore adatto.

6. Conservazione del ghiaccio per un periodo non superiore alle 4-6 settimane dalla preparazione.

7. Utilizzo del ghiaccio prodotto in ciascuna vaschetta in un’ unica soluzione; bisogna infatti scartare quello non consumato immediatamente.

8. Facilitare la fuoriuscita dei cubetti dalle vaschette passandole brevemente nell’ acqua calda.

9. Utilizzare sempre apposite pinze o cucchiai puliti per mettere il ghiaccio nei bicchieri, vassoi, piatti o nel tritaghiaccio.

10. Attenzione alla pulizia del tritaghiaccio, che deve sempre essere accuratamente pulito ad ogni nuovo utilizzo.

Ricordate poi, nel caso di frigoriferi provvisti di preparatore automatico di ghiaccio, di seguire attentamente e puntualmente tutte le procedure di manutenzione e pulizia dell’apparecchio, che trovate indicate dettagliatamente nei libretti d’istruzione.

Infine tenete conto dei vari utilizzi del ghiaccio stesso, che, in taluni casi, può diventare ..bollente.


,


Commenti chiusi.