Bagno, Come fare

4 consigli per tenere il box doccia pulito

8 Mag , 2014   -   di

Le case odierne hanno metrature sempre più esigue e spesso si sceglie di avere la doccia al posto della vasca. Se questa scelta consente di risparmiare in termini di spazio, non esonera, però, dalla fatica di un’accurata detersione giornaliera.

Se avete ingaggiato una guerra contro le goccioline e i segni di calcare che quotidianamente si depositano sulle pareti del vostro box doccia e se, finora, siete stati irrimediabilmente sconfitti, preparatevi ad assaporare la vittoria della battaglia finale grazie a quattro semplici ed efficaci consigli che vi assicureranno una perfetta pulizia.

Non vi serviranno costosi detergenti chimici, ma uno spruzzino, una spugnetta e semplici prodotti casalinghi, per realizzare autonomamente collaudate ricette della nonna.

1. Se possedete un box doccia in alluminio, per renderlo brillante, servitevi del potere dell’aceto bianco o di mele, che, pur non essendo né corrosivo (come i normali prodotti anticalcarei in commercio) nè tossico, è estremamente valido. Create un mix, del tutto ecologico, composto da 100 ml d’aceto bianco, due cucchiai di detersivo per piatti, 50 ml di alcool e acqua quanto basta per colmare uno spruzzino. Agitate, spruzzate, lasciate agire per qualche minuto e, poi, risciacquate.

2. Per un box doccia in cristallo, invece, la situazione si complica, ma se avete la pazienza di asciugarlo dopo ogni uso con un tergivetro o una salvietta in microfibra (e di convincere i vostri familiari ad assolvere diligentemente al medesimo compito!), avrete sempre un bagno impeccabile.

3. Per una detersione più intensa, optate per il bicarbonato di sodio, un vero sterminatore di muffe e funghi che possono proliferare numerosi a causa dell’umidità. Miscelate acqua e bicarbonato, in un rapporto di 1 a 3, e sfregate il composto così ottenuto direttamente sulla superficie interessata, con l’ausilio di una spugna abrasiva.

4. Per rimuovere le macchie di sporco di colore scuro, che si originano su guarnizioni o parti in gomma dei binari, bisogna evitare solventi che potrebbero sciogliere la plastica.  Strofinate con vigore, meglio con l’ausilio di un vecchio spazzolino da denti, un’altra formidabile miscela ecologica e casalinga composta da sale, limone e una dose minima di acqua ossigenata.

 


Commenti chiusi.