Finiture

Le migliori porte di design per interni

4 Apr , 2014   -   di

Ristrutturando una casa i dettagli ai quali prestare attenzione sono numerosi. Oggi soffermiamoci sulle porte per gli interni, sulle diverse tipologie di apertura e sulle possibilità offerte in fatto di modelli.

Per scegliere la giusta porta è assolutamente necessario considerare lo spazio a disposizione e l’ingombro costituito dall’apertura, oltre che i dati estetici e gli abbinamenti con il mobilio e le stanze. Il modello che comporta il maggior ingombro è quello a battente, poiché la porta si apre in dentro o in fuori; una variante è costituita dall’assenza di telaio che ne permette la “mimetizzazione” nel muro, facendola scomparire alla vista.

La porta scorrevole occupa minor spazio calpestabile nella stanza, può avere o meno il telaio e può essere ospitata, aprendosi, dentro la parete oppure scivolare lungo un binario esterno. Nel primo caso, la condicio sine qua non è lo spazio all’interno della muratura, nel secondo, invece, è necessario lasciare uno spazio libero lungo la parete sul quale far scorrere l’anta. Si tratta di porte particolarmente adatte alle zone giorno, perché una volta aperte scompaiono, permettendo di creare un effetto visivo da open space.

Infine esistono le aperture a soffietto, a libro o con modalità di piegatura particolari ideali per il poco spazio e le esigenze specifiche.

Per quanto riguarda finiture e colori, il consiglio basilare è di scegliere sempre prima i pavimenti e i rivestimenti, lasciando per ultima la decisione sulle porte in modo che si armonizzino con tutti gli altri elementi.

Fra i nomi da citare, vi è senz’altro l’azienda modenese Ghizzi e Benati che propone molte differenti soluzioni dal design esclcusivo, in legno o in vetro: consultando le collezioni troviamo modelli a scorrimento, a battente e a filo a muro. Da segnalare, la soluzione rototraslante che permette di aprire la porta sia verso l’interno sia verso l’esterno, facendola ruotare sul proprio perno, riducendo notevolmente l’ingombro. Soluzione dal gusto minimal perfette per ambienti moderni.

La ditta Casali, specializzata nelle porte in vetro, propone diversi modelli interessanti: una collezione Bi-color presenta porte in due colori (accostati in verticale o in orizzontale), selezionabili fra numerosi abbinamenti; modelli dal sapore un po’ vintage sono perfetti per cucine colorate. Un altro esempio è la collezione I Miti che rappresenta, sui pannelli, idoli senza tempo come Marylin Monroe o James Dean in un gioco di trasparenza e sabbiatura particolare.

Ultimo nome da ricordare è, senz’altro, GD Dorigo i cui designers propongono diverse collezioni raffinate, dalle decorazioni e dalle linee eleganti, essenziali e, proprio per la varietà, facilmente sposabili con i gusti di molti. Impossibile non menzionare l’Art Collection in cui ogni porta diventa complemento d’arredo, uno schermo sul quale vengono proiettate immagini cariche di emozioni.

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *