Impianti

A spasso con la Befana… Camini a legna o a pellet?

4 Gen , 2013   -   di

È la passione dei bambini, ma anche degli adulti che, si rifugiano nel dolce pensiero di una simpatica nonnina che nella notte dell’Epifania, svolazza per il cielo su una scopa magica e, per la gioia dei bimbi buoni, lascia in dono succulenti dolciumi. Voliamo con la Befana fra una casa e l’altra, cosa scopriremo? Un esercito di calze, calzine e calzette da fare invidia ad un fornitissimo negozio di lingerie tutte belle appese nel punto più tradizionale: il caminetto, il luogo in cui gli abitanti della casa si ritrovano per chiacchierare, raccontare, sognare, innamorarsi…

Troviamo allora camini a legna o a pellet per eccellenti risparmi sulla bolletta: i combustibili fossili sono la più tradizionale, ma anche la più economica fonte di riscaldamento.

I camini o i più tecnologici termocamini a legna consentono una visione scenografica del fuoco e creano quella piacevole atmosfera di relax che solo il crepitio del fuoco sa dare. Accanto al camino devo essere ovviamente preddisposto un ripostiglio per la legna che, per una corretta combustione deve avere un tasso di umidità intorno al 20%: pino, tiglio, castagno, pioppio  hanno un potere calorifico inferiore a betulla, acero, quercia o faggio. Il termocamino a legna è dunque la giusta soluzione per chi non vuole rinunciare al tradizionale rito del tronchetto che, certamente sporca un po’, ma genera quell’atavica sensazione di benessere che si avverte nel contemplare le fiamme danzanti.

I camini o termocamini a pellet invece, vengono alimentati da piccoli cilindri che derivano dagli scarti della legna vergine: hanno una resa calorica superiore a quella della legna e hanno il vantaggio di bruciare senza nessuno spreco. I termocamini più tecnologici sono gestibili tramite il telecomando o attraverso un cronotemostato con cui è possibile programmare l’accensione o lo spegnimento. Scegliendo un termocamino alimentato a pellet si ha un prodotto totalmente automatico: il controllo di tutte le funzioni, come l’accensione, lo spegnimento o l’intensità del calore è affidato all’elettronica

Ancora più innovativi sono i termocamini ad alimentazione combinata che riescono a funzionare sia con la legna che a pellet per un risparmio energetico maggiore: si tratta di prodotti ingegneristici in cui, quando la legna bruciata è ormai cenere, i sensori avviano in automatico il caricamento del pellet.

Consumi bassi quindi e soprattutto ecocompatibili per chi vuole riscaldare la casa senza rinunciare all’affascinante e magica atmosfera del focolare domestico.


, ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *