Fai da te

Arredare e… meditare con un giardino ZEN da tavolo: come farselo in casa

13 Set , 2013   -   di

Ormai lo dicono tutti: la meditazione aiuta a vivere serenamente. I giapponesi lo sanno da sempre e sanno, anche, che un metodo per facilitare la meditazione è abbandonare se stessi in un ambiente rilassante, come un bel giardino. Ma che sia un giardino zen! I monaci giapponesi non solo amano soggiornarvi, ma anche realizzarlo perchè questo aiuta ancora di più a rilassarsi, concentrando mente e copro in attività semplici ma creative. Giardino zen da tavolo Non tutti, però, disponiamo di uno spazio esterno, abbastanza grande da poter ospitare un giardino zen con tutti i crismi. Perchè non organizzarsi allora un giardino zen da tavolo, personale e unico, a misura del nostro appartamento? Stiamo parlando di un giardino zen in miniatura, certo, ma dotato di ogni elemento chiave in grado di esprimere tutti i significati della versione estesa. Costruire e ri-costruire il nostro nuovo giardino zen in scala, con della buona new age music in sottofondo e un incenso acceso, sarà un’attività veramente rilassante: niente di più zen. Non trascuriamo poi che il giardinetto zen costituirà una bellissima decorazione d’arredo, nell’angolo in cui sarà contestualizzato.

Leggi tutto circa il giardino zen sulle news di BZCasa.it

Tutti i tipi di giardini zen da tavolo

La scelta del tipo di giardino zen da tavolo dipende dal contesto in cui vorrete inserirlo e dal vostro gusto personale. Non preoccupatevi se non trovate subito la giusta configurazione. Il giarino zen è un’oogetto che può, anzi deve, evolvere insieme a voi e ai vostri gusti.


Sfogliate la galleria delle foto per visualizzare alcuni esempi di giardino zen da tavolo, per prendere ispirazione e iniziare a… rilassarti. [Not a valid template]


E ora… Al lavoro!

Il mini giardino zen fai da te: i materiali

Gli elementi per realizzare un mini giardino zen in casa sono molto semplici sia da reperire nei negozi, soprattutto quelli on line che da trovare in casa o usati.

  1. Il contenitore. Recuperiamo un contenitore con i bordi abbastanza alti da trattenere la sabbia. La forma non è un problema, può essere quella che maggiormente ci intriga. I mercatini dell’usato sono una vera miniera di vassoi e contenitori più che adatti.
  2. La sabbia deve essere finissima, possibilmente molto chiara. Ne esistono anche in vendita ma sarebbe meglio fosse naturale. Mi raccomando non depredate le spiagge di chili di sabbia, ne basta pochissima.
  3. Il rastrellino. E’ reperibile anche su alcuni siti specializzati ma realizzarlo è veramente facilissimo. Bastano alcuni legnetti e del vinavil.
  4. Le pietre, rigorosamente in numero dispari (3 sono sufficienti), di forme e dimensioni diverse.
  5. Della ghiaia, opzionale, di foggia variabile in base alle vostre preferenze. Di grande effetto è la ghiaia di fiume.
  6. Una piccola pianta o un bonsai, anche questi opzionali, che non devono, comunque, prevalere sulle pietre, dal punto di vista dell’impatto visivo.

Il mini giardino zen fai da te: come assemblarlo e decorarlo

Cinque semplici passi e un po’ di curiosità e passione sono sufficienti a realizzare un mini giardino giapponese bello, completo e unico. Quella che diamo qui è, diciamo così, la ricetta standard per decorare un giardino zen da tavolo e che riprende la tecnica utilizzata nei giardini giapponesi reali. E’ importante, però, cimentare la propria creatività per personalizzare le decorazioni, modificandole a piacimento. In tal modo il giardino sarà realmente uno specchio del nostro sentire e muterà con esso. Ecco cosa fare:

  • Disponete uno strato di sabbia sul fondo del contenitore. Scuotete delicatamente il contenitore per livellare la sabbia. La stessa tecnica la utilizzerete per cancellare i disegni che farete sulla sabbia. Scompariranno magicamente.
  • Rastrellate la sabbia in orizzontale, uniformemente. Ricordate che la sabbia, nel giardino zen, simboleggia l’acqua e le onde sulla sabbia simboleggiano il movimento dell’acqua stessa.
  • Posizionate le pietre maggiori in disposizioni che ricalchino la “casualità” della natura, senza cercare raffigurazioni o simmetrie.
  • Scalzate la sabbia dalle pietre e rastrellate intorno ad esse, seguendone il perimetro.
  • Posizionate eventuali altri oggetti decorativi e la ghiaia per i sentieri.

Vi segnaliamo un video di YouTube da cui potrete prendete ispirazione riguardo alla manualità necessaria. Il video è in inglese ma è assai istruttivo guardare e apprendere dalla tecnica e la creatività di questa designer di giardini zen da tavolo. Via assicuriamo che è rilassante solo vederlo.

  Buona meditazione a tutti!


, , ,


Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *