Cucina

Cucina con penisola: come realizzarla e arredarla al meglio

3 Gen , 2014   -   di

Le sfogliamo nelle riviste. Ci fermiamo ad ammirarle nelle vetrine. ” Sogniamo di possederne, un giorno, una anche noi.
E’ molto probabile che, chi lavora in cucina, o semplicemente chi nella cucina si diletta e si diverte, vorrebbe avere una tutta sua.

La cucina con penisola non deve mancare nelle case dove si dispone di ampio spazio perchè è una cucina dai molteplici pregi:

– Il piano allungato, da cui il nome penisola, è un supporto per la maggior parte degli elettrodomestici e può ospitare pensili e cestelli girevoli per sfruttare tutti gli angoli e recuperare spazio.

– E’ un utile, quanto spazioso piano di lavoro per impastare, preparare o cucinare i cibi;

– Può rappresentare un elemento per dividere la cucina dal soggiorno.

Esistono diverse soluzioni per realizzare una cunica con penisola, le più diffuse sono:

  • L (elle): Sviluppata su due pareti con un bancone a penisola perpendicolare alla parete.
  • U: sviluppata su tre pareti.
  • Pareti contrapposte:  questo tipo di disposizione è consigliata per spazi ristretti.
  • Isola:  Raggruppa alcune degli elementi principali al centro della stanza come ad esempio il piano cottura. La si vede spesso nelle cucine all’americana

LEGGICucine all’americana: la cucina diventa zona living

Come arredarla?

Si parte dagli elettrodomestici di base.

Devono essere collocati in punti strategici della cucina,  ma  sopratutto a portata di mano. Piano cottura, forno tradizionale elettrico o a gas, forno a microonde, frigorifero con congelatore, lavastoviglie. Ovviamente si tratta di elettrodomestici a incasso che sempre più spesso si combinano con la cucina per tutte le esigenze di design. Tipico esempio moderno è l’introduzione del piano cottura a induzione.

SCOPRI COME FUNZIONA: Piano di cottura ad induzione

A seguire i piccoli elettrodomestici.

Oggi esistono tanti piccoli elettrodomestici capaci di semplificarci la vita nella preparazione di innumerevoli piatti. E’ fondamentale acquistare apparecchi che si è certi di utilizzare, ma questo è buon senso, per non caricare inutilmente i pensili. Quindi è bene fare una scelta mirata di ciò che si acquista, proviamo a capire quali sono quelli davvero necessari:

  • Elettrodomestici multifunzione: integrano varie attrezzature con l’utilizzo di solo corpo motore. Frullano, impastano, tritano, amalgamano ecc. Solitamente, sono anche i più costosi, ma anche i più comodi. Fanno recuperare molto spazio in cucina.
  • Bollitori per l’acqua
  • Bilance:  per pesare gli ingredienti di diverse tarature.
  • Friggitrice:  per friggere senza sporcare la cucina.
  • Macchina per il caffè
  • Macchina per il pane: per  sfornare il pane caldo ogni giorno.

In utlimo per questa veloce guida, possiamo aggiungere che è consigliato dotare la cucina di un lavello con due bacini per semplificare tutte le operazioni di lavaggio. Ne esistono di vari materiali: pietra, ceramica, resina ecc., ma il più comune e facile da manutenere, è senza dubbio quello in acciaio inox.

 


,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *