Arredamento e design, Cucina, Soggiorno

Dividere la cucina dal soggiorno con 5 semplici idee

15 Feb , 2013   -   di

Se le case si rimpiccioliscono, ma le necessità di definizione e  suddivisione degli spazi diventano sempre più grandi, le parole  versatilità e adattamento entrano di prepotenza nel vocabolario dell’interior designer.

Prendete, ad esempio, la suddivisione di una zona giorno composta da un unico ampio vano: una cucina a vista non sempre è elegante, ma il modo di separarla efficacemente dal salotto c’è. Anzi, ci sono, visto che ve ne proponiamo 5, applicabili e personalizzabili a piacimento, per ottenere uno spazio vivibile e confortevole, senza sacrificarne la luminosità. Quali?


Il mobile libreria, un divisore sempreverde

Classico intramontabile, usato e a volte abusato dai designer d’interni per dividere le diverse zone della casa (può essere sfruttato anche per separare, in un monolocale, la zona notte da quella giorno), noi vi proponiamo il mobile libreria in veste di “parete divisoria fittizia” per mettere un muro tra la cucina dal soggiorno.

Un mobile sufficientemente profondo può essere usato da un lato per inserire libri ed enciclopedie, dall’altro per impilare ricettari. Oppure, porre in vista (magari coperti da una vetrina) bicchieri, piatti e altri oggetti che possono essere utilizzati in entrambe le zone.


La penisola della concordia

Là dove un mobile libreria divide, una penisola unisce gli ambienti, facendo sì che uno affacci verso l’altro, senza che uno invada l’altro. E’ una fantastica idea che sempre più designer stanno utilizzando, anche per un altro motivo: sfrutta la luce al meglio, quando l’appartamento non è sufficientemente finestrato.

La penisola offre così un piano di lavoro friendly dove predisporre cene tra amici, colazioni al volo, giochi e studio con i bambini mentre si preparano i pasti e…il resto, pensatelo voi!


Porte a vetri scorrevoli, soluzione efficace ed elegante

Il vetro alleggerisce l’arredamento, donandogli eleganza e modernità. Diventa perciò ideale per separare una zona giorno da una zona notte, ma anche per dividere una cucina da un salotto, senza comprometterne eccessivamente la luminosità.

In realtà è una soluzione che suggeriamo soprattutto quando ci sono almeno 2 finestre, una per l’area salotto e l’altra per l’area cucina, ma può essere giocata in differenti modi, con vetri di differenti spessori e opacità.

Gli spazi potrebbero perfino essere suddivisi da paretine di vetro fisse, in uno stile open ma che allo stesso tempo definisce e suddivide chiaramente gli spazi. Anche in questo caso, l’unico limite è la vostra fantasia!


Divide et impera, con il cartongesso

E’ una variante più economica e “sfruttabile” del vetro: su una parete di cartongesso potete infatti appendere anche un quadro, uno schermo LCD o, se realizzata con delle micro nicchie, essere sfruttata come mobile libreria.

La versatilità e la possibilità di dare qualsiasi forma a questo materiale lo rende ideale per arredamenti moderni e originali. Se non avete sufficiente luminosità, poi, potreste giocare sull’effetto colonna, con micro pareti di cartongesso allineate, a definire la sottile linea di confine tra un soggiorno e una cucina.


Separé sì, ma di design!

Un po’ bistrattato in passato (onestamente, non a torto), il separé sta vivendo una nuova giovinezza grazie ai designer, che ne hanno fatto un saggio e parco uso anche per dividere la zona giorno. Potrebbe perfino essere sfruttato per dare un tocco di etnico al vostro ambiente: lo stile shoji, in questo caso, sembra fatto apposta.

Questi i nostri consigli…e voi, come avete risolto i vostri problemi di divisione della cucina dal soggiorno?

[Not a valid template]


, , ,


4 Commenti

  1. Ninni Cipriani ha detto:

    per fabrizia pecorella

  2. Rita Gorlero ha detto:

    io ho tolto il muro che divideva sala e cucina,ho invertito le stanze.Oltre a quello ho tolto anche l'altro muro della cucina che serviva per il corridoio.(Un disastro,soldi buttati,ora ci sto malissimo)La cucina a vista.Nel soggiornoPrima cucina) c'è una libreria ed il mobile della sala(che rimane di fronte alla cucina lineare) nel tutto ci sono due finestre e due porte finestre.Ora non posso fare più niente.

  3. cartongesso ha detto:

    Questo articolo parla della capacità di suddividere ampi spazi all’interno di appartamenti. A questo proposito il cartongesso è economico e permette di separare gli ambienti con estrema facilità. Su una parete di cartongesso è inoltre possibile porre uno schermo o appendere un quadro.

  4. Maria ha detto:

    La soluzione di dividere gli ambienti con il cartongesso è un eccellente soluzione a mio avviso. Più economica, veloce da realizzare e da rimuovere nel caso si decidesse di ridividere la casa. Noi casa nostra abbiamo diviso il salone per realizzare una camera in più per il nostro nuovo arrivo (nostro figlio) in cartongesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *