Come fare, Piante e fiori

Gli errori da evitare con le piante da interno

5 Mag , 2014   -   di

Se amate la natura e vi rigenerate circondandovi di lussureggiante vegetazione, sicuramente apprezzerete una casa illuminata e rallegrata dalla presenza di piante. Tuttavia, se non siete dotati del famigerato pollice verde e se, puntualmente, le piante che acquistate o che vi regalano sono destinate ad avere vita breve, una volta affidate alle vostre cure, è arrivato il momento di mettere a fuoco il problema, evitando di continuare a commettere alcuni errori grossolani.

Ecco a voi un breve vademecum:

  • Non scordate, in primis, che il benessere delle piante è prioritario: non si tratta di accessori o di complementi d’arredo, ma di esseri viventi.
  • Non collocate le piante in punti attraversati da correnti d’aria, ma opportunamente areati e luminosi.
  • Evitate di posizionarle in prossimità di termosifoni e di condizionatori, che rendono l’aria molto secca e poco salutare per le piante, aumentando eccessivamente la traspirazione delle foglie.
  • Informatevi sulle esigenze di ciascuna pianta: alcune necessitano di sole diretto, e devono essere poste in prossimità delle finestre, altre, invece, devono essere protette, soprattutto nelle ore centrali della giornata e durante tutta la stagione estiva.
  • Una volta trovato il punto della stanza più idoneo, non spostate le piante per assecondare meri criteri estetici.
  • Non tenete le piante distanti le une dalle altre: è preferibile raggrupparle, per non far disperdere l’umidità prodotta dal fogliame.
  • Prestate attenzione all’innaffiatura, non eccedete con l’acqua ed evitate i ristagni di liquido nei sottovasi, per non far marcire le vostre piante.
  • Non utilizzate acqua troppo fredda, ma assicuratevi che sia sempre a temperatura ambiente e, se proveniente da rubinetto, che abbia decantato per almeno una giornata, prima di essere versata sul terriccio.
  • Non dimenticate di rinvasare le piante, al termine della stagione invernale, optando per un vaso di dimensioni leggermente più grandi rispetto al precedente.
  • Non sottovalutate l’importanza della somministrazione primaverile di concimi, liquidi o granulari, a lento rilascio. Essi assicureranno cure adeguate, in modo particolare per le piante che producono fiori.
  • Non lasciate che polvere e acari si depositino sulle foglie, ma pulitele periodicamente con un panno umido, al fine di garantire la corretta respirazione dei pori.
  • Non aspettate nell’intervenire tempestivamente, in caso notiate la sgradita presenza, nelle vostre piante, di insetti e parassiti. I più comuni sono le cocciniglie, dall’aspetto bianco e lanoso, che devono essere eliminate una per una.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *