Accessori, Bagno

Guida alla scelta della tenda per la doccia

10 Mar , 2014   -   di

Arredare il bagno sembra un’impresa semplice e rapida, poiché di solito si tratta di un ambiente piccolo in cui è possibile inserire solo un numero molto limitato di arredi e complementi. Invece, proprio a causa dello spazio esiguo, tutto deve essere collocato dopo attenta valutazione, per creare un insieme gradevole e armonioso.

La tenda della doccia assolve ad una funzione pratica innegabile, ossia impedire all’acqua di fuoriuscire dal piatto mente vi lavate, ma contribuisce moltissimo anche all’estetica e all’ordine della stanza da bagno.

Nel momento dell’acquisto, valutate in primis il materiale che prediligete, cercando di orientarvi fra una varietà di scelta davvero ampia: vinile, poliestere, cotone, nylon o altri tessuti decorativi. Ricordate che le tende in tessuto si sporcano molto facilmente, mentre quelle in vinile o in plastica sono più facili da lavare ed evitano la formazione della muffa.

E, in seguito a ciò, sbizzarritevi nella fase più divertente, ossia nella scelta del colore e del motivo. Potete optare per una tenda che, camaleonticamente, si mimetizzi nei toni del vostro bagno, in armonia con il placcaggio e il pavimento, oppure potete osare un colore vivace, reso ancora più originale e catalizzante da righe, pois o disegni floreali.

Se la tenda della doccia ha un notevole impatto nell’aspetto del bagno, al contrario, l’asta che la regge non è un elemento che si nota a primo acchito, ma è importante valutarne la scelta in modo accurato, perché sono proprio i dettagli a completare un ambiente in modo perfetto.

Le aste per tende doccia sono disponibili in vari fogge, modelli e materiali, perfette per essere coordinate con gli altri complementi del bagno: cromate per uno stile moderno, in ottone per  uno stile classico, in legno per uno stile ecofriendly. A prescindere dal materiale impiegato,  è fondamentale che siano abbastanza resistenti per reggere la tenda e gli asciugamani umidi, che vi vengono stesi ad asciugare.

Per quanto concerne la forma, se desiderate disporre di più spazio, optate per un’asta che curvi verso l’esterno, se la vostra doccia è disposta in un angolo, l’ideale è la sagoma a L. Ricordatevi che le aste sono allungabili, ma non accorciabili, quindi fate attenzione alla giusta misura della vostra doccia, prima dell’acquisto.

Infine, considerate il materiale del muro a cui tale asta dovrà essere appesa, se è rivestito di piastrelle, per esempio, non è necessario procedere con fori, ma si può optare per un modello che si espande e aderisce grazie all’attrito.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *