Decorazione, Materiali e infissi

Il colore Pantone del 2014 è il radiant orchid

19 Dic , 2013   -   di

Anche quest’anno, precisamente il 5 dicembre, Pantone ha comunicato il nuovo colore del 2014: è il Radiant Orchid, il cui codice è 18-3224.

L’azienda statunitense, che dal 2000 sceglie la tonalità “must”  destinata a dettare legge nel mondo della moda e del design, descrive la sua nuova proposta come “un magico calore che affascina gli occhi e fa viaggiare l’immaginazione”.

La selezione del colore dell’anno non è casuale, ma è frutto di un intenso studio cromatico in svariati settori, tra cui il cinema, lo spettacolo, l’arte contemporanea, le mete di viaggio, le innovazioni tecnologiche e i grandi eventi mondiali.

Nasce, così, questo meraviglioso mix di fucsia, viola, blu e rosa, che ricorda, appunto, le sfumature esotiche e magnetiche dell’orchidea. E’ un colore caldo e avvolgente, che cattura l’attenzione, capace di trasmettere positività, pace e benessere e, al contempo, di stimolare la creatività e la voglia di rinnovamento.

Per l’arredamento degli interni, il Radiant Orchid è estremamente versatile: è complementare al verde oliva e verde militare; si sposa benissimo con nuances pastello, come celeste, verde acqua e giallo; ravviva le tonalità neutre, della gamma dei grigi e dei beige; crea un contrasto interessante con il nero; è estremamente chic con il bianco.

Non solo, è una cromia che è indicata per case di stili diversi, dal minimal allo shabby chic, dall’ultra moderno al classico, e che è  perfetta per tutti gli ambienti della casa, dalla cucina al salotto, dalla camera da letto al bagno. Un colore non solo femminile, ma di estremo carattere.

Se non si vuole optare per un impatto visivo troppo appariscente, è opportuno sbizzarrirsi solo con i complementi di arredo, come candele, cuscini, vasi, cornici, lampade e tendaggi, ma anche con dettagli più importanti, come tavolini e sedute.

Se, invece, si vuole osare e inebriarsi della forza audace del Radiant Orchid, bisogna armarsi di pennello e dedicarsi alle pareti. Occorre, però, non lasciarsi trasportare troppo dalla foga: dipingere un’intera stanza in questa tonalità potrebbe essere eccessivo, meglio limitarsi ad alcuni punti: per esempio la parete dietro il letto, una nicchia del soggiorno, un arco, o la zona deputata all’ingresso.

Una soluzione oggi molto chic è l’uso della carta da parati: in questo modo fantasie floreali o geometriche, con disegni in tale splendido colore, potranno essere armonicamente dosate al fine di creare ambienti energizzanti o rilassanti.

 


,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *