Arredi e complementi

L’arredo invisibile: mobili a scomparsa

7 Feb , 2014   -   di

I mobili a scomparsa sono sinonimo di efficienza per spazi abitativi piccoli: grazie alle loro ingegnose caratteristiche salvaspazio sono in grado di ottimizzare la superficie disponibile senza penalizzare l’estetica né la comodità.

Esistono molti tipi di mobili a scomparsa, a seconda delle esigenze personali: i più comuni sono sicuramente i letti a scomparsa, ideali per gli open space e per i monolocali dove la cucina e la camera convivono. Poi ci sono i tavoli pieghevoli, i divani che scompaiono o si trasformano in letti e tutta una serie di mobili “invisibili” che permettono di destreggiarsi in appartamenti mini.

Come funzionano i mobili a scomparsa? Questo tipo di arredamento è studiato appositamente per occupare il meno spazio possibile da chiuso e per essere aperto al momento dell’uso. In questo modo lo spazio della casa può essere sfruttato al meglio, soprattutto quando le dimensioni ridotte non consentono la presenza di uno o più mobili importanti.

I letti a scomparsa sono particolarmente apprezzati, in particolar modo se matrimoniali, perché al posto di occupare in maniera permanente uno spazio di due metri quadrati si possono aprire soltanto al momento del bisogno e nel resto del tempo permettono di usare gli spazi come meglio si crede. Ci sono letti a scomparsa verticali a parete, oppure pieghevoli, senza contare quelli che si trasformano in divano.

Un letto invisibile può andare bene per un monolocale, ma anche come letto adibito per gli ospiti o come letto per la casa delle vacanze; le funzioni dell’arredamento a scomparsa sono multiple e questa è una delle caratteristiche che lo rendono così popolare.

La cucina a scomparsa è un altro mobile invisibile molto conosciuto: si tratta semplicemente di una cucina compatta che al termine dell’uso diventa un armadio grazie a delle ante o a dei pannelli scorrevoli che la nascondono completamente. È perfetta in un monolocale abbinata a un letto a scomparsa: di giorno c’è solo una cucina abitabile, mentre di notte si può ammirare una camera immacolata. Ideale anche per chi in casa non ha il salotto, viene chiusa dopo essere stata utilizzata e lasciando spazio a un soggiorno arioso.

Per quanto riguarda invece gli altri mobili della casa vanno forte anche le librerie con piani apribili che diventano scrivanie per una postazione di lavoro o studio dell’ultimo minuto. Insomma: le idee per trasformare uno spazio piccolo ma esigente sono tante e le soluzioni anche. Con l’arredo invisibile i miracoli casalinghi sono all’ordine del giorno!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *