Arredi e complementi

Piccoli spazi: arredi trasformisti per arredarli

18 Dic , 2013   -   di

Quando ci si trova ad abitare in una casa piccola, magari un monolocale oppure un bilocale, bisogna fare economia sulle dimensioni dei mobili, oppure saperli scegliere con una piccola dose di ingegno: uno sguardo all’ingombro e alla funzionalità, un altro all’aspetto. Per fortuna moltissime sono le soluzioni che consentono di arredare con gusto e risparmiando sullo spazio, puntando sull’originalità proposta dal designer.

Inoltre, la diffusione di questi modelli “salva spazio”, sembra rivelare che vengono scelti anche da chi ha disponibilità di stanze ampie, per una questione di gusto e tendenza.

Sempre più, infatti, nel settore dell’arredo, si ricorre agli “oggetti trasformisti”: prodotti che hanno forme e funzioni definite, che, con un semplice gesto diventano “altro”; pronti a soddisfare molteplici esigenze.

Iniziamo a fornire degli esempi di questi ultimi ritrovati: Occo è il tavolino concepito dalla giovanissima designer Melisa Indra. Il sistema di sedute da pavimento è di chiara ispirazione asiatica, ha un look abbastanza semplice e minimalista sia con i cuscini ancora in sede che senza cuscini, ed è talmente discreto che si adatta tranquillamente a qualsiasi tipo di arredamento. Tavolino, appoggio per il personal computer, Occo nasconde quattro comodi posti a sedere. (foto1)

Per lo spazio della cucina, l’ideale è il tavolo estraibile o allungabile: i modelli e le modalità di apertura sono infinite, così come i prezzi. Noi proponiamo quello ideato da un designer, Alfredo Zengiaro, per la cucina Less Chic di Fabel: sistema perfetto sia per grandi che piccoli spazi. Grazie al tavolo estraibile potremo ricevere ospiti e in un attimo riappropriarci dello spazio della stanza. (foto 2)

Guarda la gallery
[Not a valid template]

Un altro complemento d’arredo da citare è il radiatore Utility di Scirocco H: dalle linee minimali, presenta il vantaggio di essere ideale per personalizzare le pareti. Ad esempio, sembra perfetto per il bagno, in cui – sfruttando la verticale e dunque occupano uno spazio minimo– unisce la funzionalità dell’emissione di calore con la possibilità di utilizzarne i ripiani per riporre piccola oggettistica. (foto3)

Nell’eventualità in cui la casa da arredare sia un monolocale è bene ricorrere alla possibilità del divano letto, oggetto “sempre verde”, immune alle mode e perfetto per i piccoli spazi.

Un esempio, disponibile anche in versione poltrona, è realizzato dall’azienda Gerosa Design: Céline di Riccardo Giovanetti. Divanetto o poltrona che si trasformano rispettivamente in letto matrimoniale o letto singolo, sfoderabili e rivestiti in tessuto o in ecopelle.


, ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *