Arredi e complementi

Poltrone deformate che assumono difetti umani [FOTO]

12 Feb , 2013   -   di

Cosa è la bellezza? Quando un elemento d’arredo è bello? Se dovessimo prendere un grosso classificatore e chiedessimo a ciascuno di categorizzare un oggetto come bello o brutto, ci troveremo davanti ad un’infinità di classificazioni diverse. Esiste un bello e un brutto ed il modo in cui attribuiamo la bellezza è frutto delle pressioni culturali, familiari e geografiche.

SCOPRI DI PIÙ: Video e foto di poltrone di design e arredo moderno

Lo stesso discorso vale per la bellezza femminile: una donna è bella solo se le convenzioni del luogo in cui abita la indicano come tale. In molti Paesi orientali, ad esempio, una donna grassoccia è più amata di una troppo smilza. Qualunque sia il luogo in cui si vive una cosa è certa: ci vuole coraggio ad essere donne, ad amare il proprio corpo così come è, con le dovute cure, ma senza esaltarlo troppo. Ci vuole forza nel vedere che la vecchiaia comincia ad arrivare e che le rughe assediano quel volto sempre meno tirato. Eppure… la bellezza si nasconde anche fra le pieghe del mento (o del triplo mento), nelle rughe del volto, in un vitino non proprio di vespa e in un paio di gambe un po’ cicciotte.

Questi principi hanno ispirato la designer tedesca Milena Krais che ha elaborato il suo progetto Deform in cui analizza i canoni della bellezza contemporanea e li ribalta: le poltrone realizzate  sono appunto deformate attraverso un processo manuale con l’utilizzio di lana e tessuti e colori acrilici e assumono le sembianze dei difetti estetici femminili: gambe grosse, un po’ di pancia, gambe storte… Nonostante le modifiche gli elementi d’arredo mantengono il loro gusto estetico attraverso l’omogeneità delle forme e dei colori. Il punto di partenza è una seduta comune che viene plasmata con dettagli unici, grumi, gonfiori e imperfezioni generiche per la creazione di sedie e poltrone vintage dalle fisionomie inedite: le fragilità umane sono quindi esorcizzate.

Un corpo perfetto non esiste, ma anche nell’imperfezione si può scovare un senso di bellezza e di utilità.

Scopri le poltrone.

[Not a valid template]

 


, , ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *