Impianti

Stufe a pellet, design e risparmio energetico per ogni ambiente

28 Dic , 2012   -   di

C’è nulla di più caldo e d’arredamento del…fuoco? La presenza di un camino acceso, nelle serate d’inverno, dona alla casa un’atmosfera unica. Per non parlare della possibilità di cuocere pietanze, o risparmiare sul riscaldamento e sulla bolletta dell’energia elettrica e del gas.

Se però l’idea dello sporco causato dalla fuliggine e dalla legna vi spaventa a morte, o la vostra abitazione non è idonea all’installazione di un camino, potreste pensare di arricchire il vostro arredo con una stufa a pellet.

Con la stufa a pellets, il risparmio in bolletta di luce e gas è assicurato.

Grazie al crescente livello tecnologico, alla possibilità di temporizzarne l’accensione attraverso il cronotermostato e con l’ausilio di una sonda ambientale, la stufa a pellet è in grado di raggiungere alti rendimenti e bassi consumi con un risparmio energetico di circa il 40% rispetto a fonti di riscaldamento più energivore o più soggette alle oscillazioni dei prezzi delle materie prime causate dalle speculazioni.

Inoltre, installando una stufa a pellet ad acqua, integrata da un adeguato kit composto da un boiler di accumulo e una valvola a tre vie, avrete acqua calda anche per uso domestico: dai termosifoni allo scaldabagno, energia pulita e a basso costo per riscaldare l’acqua nella vostra abitazione.

Risparmiare sull’acquisto di una stufa a pellet, con gli incentivi statali.

Oltre a una bolletta energetica più leggera, le stufe a pellet garantiscono un notevole risparmio in termini di costi d’acquisto: sapevate ad esempio di poter accedere a una detrazione fiscale fino al 50% relativa alla ristrutturazione e agli interventi per risparmio energetico, così come stabilito dal D.L. 83 del 22 Giugno 2012? La detrazione è infatti valida per l’installazione di una stufa o di un caminetto a legna o a pellet, e rimarrà valida fino al 30 giugno del 2013.

Le stufe a pellets fanno risparmiare, anche tempo.

Per quanto le stufe a pellets necessitino di una manutenzione approfondita e regolare, i vantaggi in termini di pulizia degli ambienti e tempo risparmiato sono innegabili: i sacchetti di pellet sono economici, facili da conservare e sporcano molto meno della legna, che occupa – a parità di riscaldamento – molto più spazio.

Inoltre niente fuliggine, niente polvere, e le canne fumarie si sporcano molto più lentamente. Infine, data l’ampia autonomia garantita da una ricarica di pellet e dall’ampiezza del “serbatoio”, un sacco da 15 kg può garantire per diversi giorni il necessario riscaldamento, senza nessun tipo di manutenzione o attizzamento.

Riscaldare gli ambienti senza inquinare l’ambiente.

Acquistare una stufa a pellets fa felice voi, ma anche l’ambiente. Grazie proprio alla tipologia di combustibile utilizzato: il pellet non è altro che legno pressato, peraltro derivante dalla lavorazione degli scarti (quindi in un certo senso riciclato), e la sua combustione immette nell’ambiente dal 15 al 25% in meno di fumi nocivi e CO2 rispetto ai tradizionali metodi di riscaldamento degli ambienti.

Non soltanto riscaldamento: la stufa a pellet fa anche arredamento.

Un altro aspetto da non sottovalutare è l’impatto estetico nell’arredamento della vostra abitazione: grazie al costante impegno delle case produttrici, le stufe a pellet sono diventate sempre più eleganti e minimal, ideali per adornare il salotto moderno così come quello in stile classico o rustico. A tal proposito, vi suggeriamo una serie di modelli ideali per qualsiasi contesto, disponibilità economica e gusto. Scopriteli tutti nella nostra gallery.

 


, , , ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *